Secondo quanto riportato nell’indagine “Email marketing report 2013” a cura di Contactlab, quasi la totalità degli utenti internet, appartenenti ad un campione rappresentativo di persone di età compresa tra i 16 e i 65 anni e residenti in Italia, Gran Bretagna, Germania, Francia e Spagna, utilizza quotidianamente la propria casella di posta elettronica e il controllo delle e-mail ricevute è diventata ormai un’azione abituale che viene ripetuta con sostanza più volte al giorno.

In questo contesto, ai fini della propria attività promozionale, la newsletter rappresenta per le aziende lo strumento principale da cui partire. L’elevato grado di competizione che caratterizza attualmente il mercato globale, richiede dunque la necessità di riuscire a stringere relazioni con i propri clienti presenti e passati e di alimentarle costantemente con un contatto diretto. È infatti fondamentale non trascurare l’importanza di una comunicazione periodica che informi l’utente circa i nuovi prodotti o servizi offerti stimolando così in lui una rinnovata curiosità nei confronti dell’azienda e il suo bisogno di acquisto.

La creazione di una newsletter richiede solo un minimo sforzo di informazione nei confronti del cliente. Nella tabella che segue è riassunto il numero medio di newsletter a cui gli intervistati di ogni paese del campione dichiarano di essere iscritti.

Inoltre, in tutti e 5 i paesi oggetto dell'indagine, quasi il 40% degli utenti dichiara che dopo aver ricevuto un’offerta via email gli è capitato di recarsi in negozio per acquistare il prodotto mentre una percentuale vicina al 50% ( con l’esclusione dell’Italia dove la percentuale è decisamente più bassa e ferma al 23%) dichiara di aver acquistato il prodotto dopo aver navigato sul sito dell’azienda partendo da un link all’interno della newsletter.