Bandiera Friuli VG

La Giunta del Friuli Venezia Giulia ha “di fatto anticipato i contenuti del Piano Energetico Regionale” approvato a fine dicembre, secondo quanto descritto in una nota dall’Assessore ad Ambiente ed Energia Sara Vito.

Nel complesso ci sono fino a 12 milioni di euro per l'efficientamento della pubblica illuminazione e la riqualificazione energetica del settore produttivo. Oltre a 57,5 milioni previsti dalla programmazione europea 2014-2020 per la riqualificazione energetica di edifici scolastici e delle strutture ospedaliere e sanitarie.

I temi affrontati sono molteplici: la trasformazione degli impianti tradizionali di produzione di energia in strutture più sostenibili, l’aumento dell'efficienza energetica, l’incentivazione della conoscenza, lo sviluppo della mobilità sostenibile e la riduzione delle emissioni di gas climalteranti.

Alla luce del difficile momento storico attuale, che richiede un nuovo modello di sviluppo e come da obiettivi della Strategia europea 20.20.20 (ridurre i consumi energetici, aumentare l’efficienza energetica della domanda, favorire e promuovere l’uso delle fonti energetiche rinnovabili), gli obiettivi finali del PER (Piano Energetico Regionale) sono la riduzione dei costi energetici e la riduzione delle emissioni di gas climalteranti, poiché è nota la correlazione matematica tra il consumo dei diversi vettori energetici di origine fossile e le emissioni in atmosfera, sia climalteranti che di inquinanti locali. La modalità principale per raggiungere tali obiettivi è l’efficientamento energetico in tutti i campi, puntando alla tutela e valorizzazione del territorio e usandone le risorse in modo razionale e sostenibile (Bioregione, Green Belt – un corridoio ecologico della lunghezza di 12.500 km, che interessa il Friuli Venezia Giulia, la Repubblica di Slovenia e l’Austria - e Green economy). Questo piano, si spera, possa portare giovamento alle aziende installatrici di impianti fotovoltaici ed efficienza energetica in Friuli Venezia Giulia . Le aziende installatrici friulane stanno subendo l'onda lunga del taglio degli incentivi alle rinnovabili e la congiuntura economica attuale.

 

Leggi anche: